venerdì 23 agosto 2013

Abbazia di Santo Stefano




La chiesa ha origini molto antiche, antecedenti all'anno 1000, e fu retta come abbazia prima dai monaci di San Colombano e poi dai Benedettini.

Qui ne vediamo la posizione su una mappa tratta da "Una città portuale del Medioevo" di Bianchi e E.Poleggi   ed. Sagep.



Nel 1797 la chiesa passò alla cura del clero secolare.

Venne più volte modificata nel corso dei secoli e, alla fine del 1800, subì gravi lesioni alla struttura che ne compromisero l'agibilità (probabilmente a causa dei lavori della costruzione di via XX Settembre. Stranamente, per quei tempi di "facili" demolizioni, si decise di non demolirla ma nel 1904, accanto ad essa, cominciò la costruzione di una nuova chiesa, terminata nel 1908.
In questa piantina, del 1916, possiamo vedere entrambe le chiese. 

particolare piantina  del  T.C.I.  del 1916 - S. Stefano


Nel 1912, a causa del crollo parziale della vecchia chiesa, anche quella nuova venne danneggiata e restò inagibile al culto.

Nel corso della seconda guerra mondiale entrambe le chiese vennero distrutte.
La ricostruzione iniziò nel 1946  e si concluse nel dicembre del 1955.

Questa è l'immagine della vecchia chiesa, con la scalinata che portava a via Giulia 

cartolina - ed. Mangini - non circolata

 La vecchia chiesa ed il campanile durante i lavori di costruzione del ponte monumentale  1895 ca.) . In questa occasione la chiesa subì alcuni danni che richiesero importanti lavori di restauro e la soppressione di alcune cappelle.

cartolina - ed. Mangini - non circolata


 
 Qui invece vediamo la chiesa "nuova", danneggiata prima dal crollo parziale  della chiesa vecchia e poi distrutta dagli eventi bellici della seconda guerra mondiale

cartolina - ed. Mangini - non circolata


Vista dal corso  A. Podestà S.Stefano "vecchia" appare un po "puntellata"  ma non sappiamo la data precisa dello scatto.

cartolina - ed. Gonzaga e Tofanelli - non circolata



Santo Stefano oggi, tanto per "cambiare" è in restauro......

foto degli autori  - 2013




Nessun commento:

Posta un commento