lunedì 27 marzo 2017

Inaugurazione della linea ferroviaria Torino/Genova 1854




La linea ferroviaria Torino/Genova era già terminata ma Genova non aveva ancora una stazione ferroviaria.  Il comune ed i vari ministeri interessati non riuscivano a mettersi daccordo, i progetti abbondavano ma, tra i veti incrociati, le decisioni tardavano a venire (insomma, allora come oggi la decisione più frequente era: "decidiamo di non decidere")
In attesa di decidere dove e come fare la stazione terminale di Genova (poi "Piazza Principe"), la linea ferroviaria terminava provvisoriamente a Piazza Caricamento. Qui il treno immortalato davanti a villa Rosazza a Di Negro.

Genova Piazza Principe- storia di una stazione di VittorioBagnasco Nautilus ed.



E proprio a Caricamento, nel 1854 avvenne l'inaugurazione ufficiale della linea ferroviaria con l'arrivo, in ferrovia,  delle loro maestà, re e regina.
Vennero allestiti i soliti palchi per le loro maestà, per le autorità ed il pubblico.

Una Storia Dipinta ed ggallery


Una Storia Dipinta ed ggallery


Qui ripresa da "monte a mare" l'immagine ci mostra sullo sfondo anche la "famosa" Terrazza di Marmo con i suoi porticati.

Genova Piazza Principe- storia di una stazione di VittorioBagnasco Nautilus ed.





Da notare che re e regina viaggiavano in carrozze separate, ciascuno con il suo seguito.

La carrozza del re:

Genova Piazza Principe- storia di una stazione di VittorioBagnasco Nautilus ed.


La carrozza della Regina:

Genova Piazza Principe- storia di una stazione di VittorioBagnasco Nautilus ed.



Alla fine, si decise di costruire la stazione principale genovese fra Piazza Acquaverde e piazza del Principe, sacrificando i Magazzini del Grano la  "superstite" porta di S.Tommaso e le mura che andavano da questa al bastione di San Michele, compresa una buona metà del bastione stesso ed i ruderi della chiesa di San Michele.

Piantina del 1752  da Genova Piazza Principe- storia di una stazione di VittorioBagnasco,  Nautilus ed.

Ma questa è un'altra storia.



Nessun commento:

Posta un commento