lunedì 3 giugno 2013

Corso Italia e San Giuliano







Corso Italia è la passeggiata a mare delle domeniche di mezza stagione: "ne troppo caldo, ne troppo freddo ...  più umano ... ( come recitava la pubblicità televisiva di uno scaldabagno).
Una bella passeggiata, godendo di un bel panorama e magari "lappando" un buon gelato.

Corso Italia è stato costruito tra il 1908 ed il 1912 ed ha cambiato radicalmente la fisionomia dei un paesaggio costiero, che fino ad allora aveva conservato un aspetto abbastanza "naturale".








Ma cerchiamo di cominciare dal principio, ovvero dalla Foce, con questa foto di Corso Italia non ancora pavimentata.

Foto "pescata" sul web


.
Muraglioni, riempimenti, sbancamenti, qui ne vediamo un esempio con lo sbancamento parziale di Punta Vagno  e del Poggio Quartara.

Cartolina edita da Brunner Como - non circolata


Punta Vagno con i bagni S.Nazzaro e Poggio Quartara visti da levante.  Si nota chiaramente il taglio del promontorio dove una volta c'era la chiesetta di S.Nazaro e Celso che si trovava proprio dove passa la strada..
Cartolina edita da WDG non circolata


Ed arriviamo al Forte di S.Giuliano
Ecco come appariva la spiaggetta della Marinella, inserita nella struttura del forte di S.Giuliano
da Album fotografico di Genova Antica edito da Mondani

 
La strada taglia alta sul mare superando il rio S.Giuliano ed il rivo cambiaso, cancellando la spiaggetta della Marinella, che lambiva la base del forte di S.Giuliano.
In questo scatto , del 1910ca, gentilmnte fornitoci da CoralloGiorgio, vediamo la strada proseguire alta sul mare, cancellando prepotente scogli e spiaggette. 
Fra pochi anni la strada verrà pavimentata e vi comincerà l'edificazione di un nuovo quartiere con ville e case di pregio.
Sulla sponda opposta, i pescatori dilettanti continuano industurbati la loro arttività sugli scogli prospicenti l'abbazia di S.Giuliano.

 


Ed ecco che si sta pavimentando la strada tra S.Nazzaro e S.Giuliano, e costruendo edifici di pregio "fronte mare".
foto della Fondazione Ansaldo


Tra la strada ed il mare cominciano a spuntare i primi stabilimenti balneari "su palafitte e comodo di scogli", mentre i nuovi palazzi crescono di numero.  La zona "tira ed attira".

foto rubata sul web



Ed il forte? che ne è stato del forte?  Eccolo visto dal mare, c'è ancora, un tantino... "sventrato".
Ma nessuno sembra dispiacersene, abbiamo la strada nuova, e pure i bagni, con un pochino di spiaggia pietrosa che prima non c'era. 

cartolina ed non rilevato -non circolata


Nel corso degli anni palazzi e ville spuntano come funghi. fra questi vorremmo segnalarne due in particolare.
La graziosa villa dove c'era una volta il Park Hotel, dai dolci ricordi.
Era il 1970, giovani e innamorati,  abbiamo festeggiato qui il nostro matrimonio.


 
Questa invece è la Villa Canali, costruita dal Coppedè nel 1924/25, che ha ospitato il consolato Giapponese ed ora è sede della Fondazione Gaslini. 

Cartolina ed. Calì - sped. 1934


E così siamo arrivati a San Giuliano, alla antica chiesa sugli scogli.  Già perchè lì c'erano gli scogli dove noi siamo abituati a vedere una ampia spiaggia.








Chiesa di San Giuliano nel 1900, prima di Corso Italia.  Fate caso agli scogli, oggi non li vedete più.

cartolina ed. cart. Solari - sped 1900

cartolina ed.cart. Solari - spedita 1903


cartolina ed. cart. Solari - sped 1907






Qui Corso Italia è già stato costruito ma non abbiamo una data per questo scatto.

cartolina ed. Sbarbo - non circolata


Ed Ecco Corso Italia, la spiaggia, i bagni .....  un altro pianeta ?







cartolina ed. Fotocolor sped 1966


Sul curvone il taglio dello sbancamento è evidente ed anche bruttino da vedere. Mica per criticare, ma a nostro avviso potevano fare di meglio.
 S.Giuliano  ed.  Dell'Armi - non circolata

Nessun commento:

Posta un commento