domenica 9 giugno 2013

L'Acquasola





Nel 1800 le mura orientali della città erano ancora intatte, anche se, con l'annessione al Regno di Sardegna,  avevano perso la loro importanza strategica.
Qui le vediamo in un particolare di una carta topografica del 1846.

Persa l'importanza strategica, e non più presidiate militarmente, erano entrate a far parte della vita cittadina e vi era stato creato il parco dell'acquasola, nonchè una passeggiata che congiungeva il parco con la villetta di Negro.

Quando venne attuata l'espansione della città verso monte le mura prospicenti la passeggiata furono demolite ed al posto della passeggiata venne realizzata piazza Corvetto .

Particolare dalla Carta Topografica della Città di Genova ed. Grondona 1846 - di proprietà degli autori


In questa stampa, purtroppo non datata, possiamo vedere la strada che lungo le mura portava alla spianata dell'acquasola, anch'essa una passeggiata, dotata di illuminazione pubblica e di fontana in cui un ragazzino fa navigare la sua barchetta, immaginando di essere Sandokan con le Tigri della Malesia, o forse solo di essere come il suo babbo, a comandare un veliero commerciale in rotta per le Indie.

Pezzini - stampa - omaggio CARIGE



Piazza Corvetto  con vista verso l'Acquasola, le mura sono state tagliate e sta nascendo la piazza, che non ha ancora assunto la sua fisionomia definitiva.
Questa immagine non è datata ma dalla sistemazione paesaggistica possiamo datarla tra il 1877 ed il 1887 .

Foto tratta da Album Fotografico di Genova Antica edit. Mondani


Particolare dell'acquasola con la torretta Serra nel 1902

Cartolina ed. non rilevato - sped 1902


Passeggiata nel Parco.

Cartolina - ed Varietas - non circolata



Il "Giardino d'Italia", locale molto "in" nella "belle epoque"

Cartolina ed. non rilevato - non circolata


Veduta dall'Acquasola verso  Piazza Corvetto e la Villetta di Negro,  con il tram e la gente che passeggia..

Cartolina ed. Varietas - sped 1909


C'era il parco, e non solo per passeggiare.  Infatti c'era il lagnetto con il ponticello ed i cigni...





...c'era un trenino che faceva il giro del parco...



...ed una pista dove si cimentavano i futuri campioni del ciclismo....



...e dell'automobilismo....




Tutte queste cose c'erano  una volta, dal 1948 al 1960 poi.... pian piano.... è tutto cambiato: laghetto, cigni, pista, trenino ... non ci sono più  ed ora è rimasto solo il parco, anche lui un po' invecchiato, come tutti noi, che a quei tempi eravamo bambini.


Villetta Serra , con la peculiare torretta, non è cambiata  (foto 2012)

Foto dell'autore


L'acquasola nel 2013, in una tarda mattinata di primavera, giorno feriale, è piuttosto deserta .




Un parco tutto per me,  tranquillo e "quasi" silenzioso, perchè comunque pervaso dal rumore del traffico circostante, che quasi non sentiamo più, ormai abituati a considerarlo un "rumore di fondo".
Le classiche panchine tonde intorno agli alberi, ma qui un albero ha ormai  "catturato"  un pezzo di panchina e sembra che se la voglia mangiare.....
Fantasie di un parco deserto .... atmosfera incantata di un luogo fuori dal tempo,
un luogo che aspetta ....




Anche il parco giochi aspetta.....anche i giochi sono cambiati, più "moderni"  più "colorati".

foto dell'autore

Ma ecco un cartello che ci fa tornare alla realtà



come dire ....  manco un cane .......



P.s. : ci scusiamo se siamo andati fuori tema ..... ma c'era il materiale fotografico disponibile e .....ci siamo lasciati tentare.


3 commenti:

  1. Quale meraviglia, questo Blog, e vedere l'Acquasola nel suo massimo splendore... che emozione! Io, bambino negli anni '70, ho stracciato più di un jeans sulla ghiaia del parco fra palloni e biciclette, era quasi una seconda casa estiva e quartier generale del gruppo di amichetti (tutti classe 'da 70 a '73) che alla chiusura delle scuole si radunava pronto alle piccole grandi avventure (in estati in cui si sudava eccome, altro che "clima monsonico" del XXI Secolo). Adulto, sono riuscito a realizzare il sogno di comprar casa quasi davanti al Parco, lungo quel Corso che in bici percorrevamo felici in quegli anni, con il desiderio di farvi un giorno scorrazzare il mio di figlio, per fa "continuare" Genova. Che tristezza, sapeste, vedere l'Acquasola sfregiata ormai irrimediabilmente da cantieri insensati di progetti assurdi, pochi bambini stipati da un lato, il recinto per cani (che vengono però portati a defecare per le strade e sugli usci dei portoni da residenti che per educazione e civismo non sono nemmeno l'ombra di quelli di allora!), la giostra con le stesse sagome di quarant'anni or sono, i cigni scomparsi, la pista di biciclette di fatto cancellata... ennesimo emblema di una città decaduta che si crogiuola nel proprio degrado, perchè questo è. Il sogno è finito e presto me ne andrò, lontanissimo, per sfiducia, delusione e non per bisogno, che è ancora più drammatico, perchè quando finiscono sogni, fiducia, speranza, una comunità muore. Sono praticamente l'unico di quei bambini rimasto a vivere e lavorare in zona Carignano, ma dopo dodici anni da residente effettivo, la delusione ha soverchiato ogni altro sentimento. Peccato... dolorosamente peccato...

    RispondiElimina
  2. Sono ragazzo 36 , e ricordo I mitici mimmo sara, le buci uo ho vissuto wncora acquasola, cedci mamma con figlio occhi verdi il gruppo ciccio milan e unticcio hugo e nonno I federico che fine hanno fatto ? Una estate sono passato non vi erano più te dove abiti mi farebbe piacere un dialogo costruttivo su smicizie su genova e carignano, che tristezza sono passato bici alberi distrutti fa park non fatto cigni vasche vuote pochi angoli x bici bar, e ghiaia e poco x cani quanto calcio nel vecchio campo vorrei compagnia anni80 90 e tor.are lì da domani b serata

    RispondiElimina
  3. Cerco mamma con figlio occhi verdi federico mimmo sara biciclette, ciccio unticcio milan hugo sachez e altri riuniamoci e se ogni tanto valorizziamo posti simili a epoca figlio e io abevo fai 13 15 ai 18 anni di calcio. A 6 andavo solo in bici, condivido tristezza e citta sola ma se uniti si esce e si vive qualcosa potrebbe tornare ciao io anni80 36 w a quasola

    RispondiElimina